La dolcezza delle seadas, un “sole” sulla tavola di Natale

Le seadas sono sfoglie dolci sottili, con un cuore di formaggio e ricoperte di zucchero o miele. Soprattutto nelle zone pastorali della Sardegna, non possono mancare sulla tavola natalizia, alla fine del pranzo del 25 dicembre; ma sono prodotte ormai in tutta l’isola.

Tutte le (moltissime!) varianti sul tema possono essere ricondotte a due fondamentali paradigmi: seadas con formaggio cotto e seadas con formaggio crudo (dette anche seadas “a sa mandrona”, ossia “alla poltrona”).

Barbagia, Ogliastra, Logudoro e Gallura: le seadas nascono qui. La seada, oggi considerata un dolce, in origine poteva sostituire un secondo.

La preparazione delle seadas rispetta i richiede tempo: questa squisitezza è figlia di un tempo antico, che scorreva più lento del nostro.

Una ricetta secolare

Gli ingredienti sono semplici: semola, formaggio fresco acido (in gallurese, “pischedda”), scorza di limone grattugiata e miele. Nella ricetta originale il formaggio va fatto inacidire, lasciandolo a temperatura ambiente. È acido al punto giusto quando, riscaldato, fila.

Per la variante con formaggio cotto, il formaggio va tagliato a scaglie e squagliato in un tegamino, con poco latte affinché non si attacchi, per poi aggiungere la scorza di limone grattugiata.

Il formaggio fuso va steso su una spianatoia e non appena si raffredda si taglia a cerchietti di una quindicina di centimetri di diametro, a forma di sole. Si lavora la sfoglia (semola sarda, acqua, sale e strutto) ben fine. Sulla sfoglia si pongono i dischi di formaggio. Li si ricopre quindi con un’altra sfoglia e si fanno dei “ravioloni” tondi, eliminando bene l’aria dall’interno della seada.

Lascia un commento


DOVE SIAMO

  • Via Olgia, 11
  • SEGRATE (MI)
  • ITALIA

CASCINA OVI

  • +39 02 213 95 81
  • info(at)cascinaovi(punto)it

ORARIO

  • Ma, Me, Gi, Ve, Sa, Do: 12-30 – 14.30
  • Lu, Ma, Me, Gi, Ve, Sa: 19.00 – 24.00

(c) Ristorante Cascina Ovi Srl - Graphics and copy  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: