Porto Flavia, dove l’ingegneria ha scavato la roccia e la natura ha creato la meraviglia

In termini di algida definizione, nell’italiano arido e tecnico di un’enciclopedia, è una struttura di servizio dell’area mineraria di Masua. E non c’è dubbio che sia così: ma quanto poco comunica, questa fraseologia asettica, dell’emozione del luogo.

Siamo nel comune di Iglesias, in quella porzione di Sardegna dal passato e in buona parte dal presente fatto di fatica e sudore: le miniere alle spalle, le Baleari laggiù, lontane, da qualche parte oltre la linea dell’orizzonte.

Porto Flavia è un sito minerario, ma non chiamatela miniera: semplicemente, perché non lo è. È piuttosto un porto d’imbarco scavato nella roccia per il materiale estratto dalle vicine, quelle sì, miniere.

Porto Flavia non ha, tecnicamente, peso: è una struttura in negativo, un miracolo ingegneristico nel quale i vuoti hanno la funzione dei pieni e i piedi hanno la funzione dei vuoti.

Due gallerie sovrapposte scavate nella roccia a picco sul mare: al loro interno scorreva un nastro trasportatore,sul quale scorrevano i materiali d’estrazione. Prima ancora, i minerali erano caricati a mano dalle piccole, caratteristiche bilancelle a vela latina.

Non più attivo dagli anni ’60, ora Porto Flavia è tra i luoghi turistici più straordinari, e amati, della Sardegna.

Bastano le foto a dimostrare il perché.

Lascia un commento


DOVE SIAMO

  • Via Olgia, 11
  • SEGRATE (MI)
  • ITALIA

CASCINA OVI

  • +39 02 213 95 81
  • info(at)cascinaovi(punto)it

ORARIO

  • Ma, Me, Gi, Ve, Sa, Do: 12-30 – 14.30
  • Lu, Ma, Me, Gi, Ve, Sa: 19.00 – 24.00

(c) Ristorante Cascina Ovi Srl - Graphics and copy  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: